Perché “Hello We’re Not Enemies”

L’idea alla base di “Hello We’re Not Enemies” (in edizione limitata in cassetta e in versione digitale a partire dal 17 giugno su Seashell Records) è l’importanza dell’empatia – la consapevolezza che ognuno ha una propria storia – in un momento in cui le relazioni tra le persone sono basate sull’aggressività e sulla divisione tra noi e loro: dunque eccoci qui, non siamo nemici. L’album è anche un piccolo atto d’amore nei confronti dell’Islanda, paese che ho visitato l’anno scorso: la data di uscita non è casuale, visto che il 17 giugno è anche la festa nazionale dell’Islanda.  Le canzoni di “Hello We’re Not Enemies” sono nate grazie alla collaborazione con alcuni fantastici artisti come l’australiano Ian Bonnar (In Every Dream A Nightmare Waits), Claudio Cataldi, Fabrizio De Felice (Bialogard), Giuseppe Musto (Il ragazzo del Novantanove), Raniero Federico Neri (Albedo) e Giampiero Riggio (Haas). Se l’album funziona è merito loro.

Hello we’re not enemies

Il nuovo album di Novanta s’intitola “Hello we’re not enemies” e uscirà il 17 giugno in edizione limitata in cassetta e in digitale per Seashell Records. Sette brani che vedono la partecipazione di artisti di grande talento: Ian Bonnar (In Every Dream A Nightmare Waits), Claudio Cataldi, Fabrizio De Felice (Bialogard), Giampiero Riggio (Haas), Giuseppe Musto (Il Ragazzo Del Novantanove) e Raniero Federico Neri (Albedo).

Souvlaki Reheated – An italian tribute to Slowdive

È disponibile in download gratuito sul bandcamp di Seashell Records “Souvlaki Reheated – An Italian Tribute To Slowdive”, un rifacimento completo dell’album più bello degli Slowdive a opera di dieci band e cantautori italiani: Nicolò Carnesi, MasCara, Il Ragazzo Del Novantanove, Claudio Cataldi, Bialogard, Antartica, Felpa, Stella Diana, Haas e Novanta. Ho realizzato una cover di “40 Days”, un pezzo che amo molto.